Continental investe nei sistemi EOS M 290 per la stampa 3D industriale

Continental investe in Eos per la produzione in serie di componenti metallici di alta qualità, acquistando diversi sistemi EOS M 290. Lo ha annunciato Eos in una nota stampa lo scorso 10 gennaio.

Eos M 290Una scelta produttiva importante per Continental, che sta investendo nella stampa 3D industriale come tecnologia di produzione. Con l’obiettivo di sfruttare i sistemi Eos per produrre componenti metallici in serie, sostenuta in pieno da Eos.
In due soli mesi l’azienda ha, infatti, installato le sue soluzioni negli impianti di Continental e si è successivamente occupata della formazione del personale per utilizzare tutte le funzioni della produzione in Additive Manufacturing.
I sistemi EOS M 290 consentiranno a Continental di produrre componenti metallici in velocità e a costi contenuti grazie alla tecnologia di Additive Manufacturing (AM), con la garanzia di alta qualità e approcci produttivi innovativi.
“Siamo molto orgogliosi del nostro progetto congiunto con Continental e non vediamo l’ora di poter supportare il cliente in ogni fase di questa attività” ha dichiarato Giancarlo Scianatico, Regional Manager per l’Italia di EOS.
La scelta di Continental di investire in EOS M 290 risiede nella capacità del sistema di realizzare componenti di alta qualità e con un volume di costruzione di 250 x 250 x 325 mm. Garantendo una produzione veloce, flessibile e conveniente di parti metalliche direttamente dai dati CAD.
Vantaggi cui si aggiunge un’interfaccia utente intuitiva, un software intelligente dotato di una combinazione di set di parametri aperti e standardizzati e un migliorato sistema di filtraggio. Tutti progettati appositamente per la produzione industriale.
Eos M 290 consente, quindi, di sfruttare la tecnologia di Additive Manufacturing per affrontare in modo efficiente le sfide di una produzione a ritmi sempre più serrati ma di qualità.
Rivelandosi uno dei sistemi AM per la lavorazione di materiali metallici di maggior successo in commercio, come confermano le oltre 500 basi installate in tutto il mondo.

Maggiori informazioni qui.

L.S.