La sicurezza delle transazioni online certificata con Kitemark Secure Digital Transaction

BSI-logoCon l’aumento della condivisione di informazioni cresce anche la necessità di soluzioni appropriate per la sicurezza. Un recente sondaggio condotto da Gfk per BSI (The British Standards Institute) ha mostrato che il 30% degli intervistati non ritiene che le applicazioni web siano un modo sicuro per gestire i propri risparmi e il 42% ha preoccupazioni circa la sicurezza dei dati personali per gli acquisti online.

In Italia in media viene sottratto 1 euro ogni 2500 spesi. Dato destinato ad aumentare perchè legato alla crescita nell’adozione di sistemi di transazione online da parte di aziende e conseguentemente utenti.
Ma non è solo una questione di denaro: furti di identità, perdita e violazione dei dati, sono crimini altrettanto gravi e diffusi in un mondo che aspira ad un utilizzo sempre più ampio e frequente del supporto elettronico.

In quest’ambito, per aumentare la fiducia dei consumatori nelle applicazioni e nei siti web che custodiscono informazioni finanziarie e personali, è stato sviluppato dal British Standards Intitution (BSI) lo schema di certificazione Kitemark™ Secure Digital Transactions.

Questo richiede che il sito web o l’applicazione siano sottoposti a test rigorosi e indipendenti per assicurarsi che siano in vigore i controlli di sicurezza per le informazioni. Esponendo il marchio Kitemark, i produttori di siti web o di applicazioni potranno rassicurare i propri clienti e dimostrare serietà e garanzie nella protezione dei dati.

I primi prodotti ad essere verificati in modo indipendente sono stati Barclays Mobile Banking e Barclays Pingit, il servizio di pagamento Barclays da piattaforma mobile.

“La condivisione di informazioni riservate per acquisti online, mobile banking e molto altro – dichiara Luigi Brusamolino, Amministratore Delegato BSI Southern Emea – interessa sempre più persone e questo richiede misure di sicurezza ancora più rigorose. Molte organizzazioni hanno già in atto buoni processi per la sicurezza delle informazioni ma solo una certificazione di terza parte indipendente come il Kitemark può dimostrare chiaramente ai clienti il loro impegno per la tutela delle informazioni.”

“Milioni di clienti utilizzano l’on-line banking ogni giorno – dichiara Alex Grant, Managing Director della lotta antifrode presso Barclays – e il Kitemark garantisce che la piattaforma utilizzata soddisfa severi requisiti di sicurezza. Aumentare la fiducia dei consumatori nell’uso di piattaforme digitali è fondamentale e il prestigioso marchio di BSI può realmente garantirne la solidità. Siamo orgogliosi di essere la prima azienda ad ottenere questa certificazione per le applicazioni di mobile banking”.