Stampanti 3D low-cost: le migliori sul mercato

ekocycle_launch

ekocycle_launchLe nuove stampanti 3D stanno prendendo piede in Italia e nel resto del mondo, grazie ai nuovi modelli low-cost.

In pochi anni le aziende che producono stampanti 3D sono diventate da poche decine a centinaia, delle quali si contano anche numerose aziende italiane.

Tra gli ultimi modelli economici usciti sul mercato c’è DeltaWASP 2040 Turbo, progettata dall’azienda lombarda WASP (World’s Advanced Saving Project). Si tratta di una stampante 3D dotata di un braccio meccanico altamente preciso e veloce, in grado di disegnare alla perfezione gli oggetti tridimensionali.

Anche Arduino, il leader italiano delle invenzioni digitali e robotiche a basso costo, ha lanciato la sua proposta: Arduino Materia 101, intuitiva e facile da utilizzare.

Sharebot XXL è invece la soluzione proposta dal principale distributore di stampanti 3D low-cost ed è un sistema molto venduto per l’utilizzo in aziende e laboratori. A differenza degli altri prodotti, Sharebot XXL realizza oggetti molto più grandi, permettendo di raggiungere i 70 cm di larghezza, perfetto per insegne, plastici e loghi.

Per gli appassionati di tutela dell’ambiente e di ecologia, c’è la nuova proposta EcoCycle Cube, che permette di creare oggetti 3D a patire dai materiali riciclati, come le lattine o le bottiglie di plastica.

Ultimaker 2, insieme a la Ultimaker Original, è la stampante 3D più venduta in Europa, grazie alle sue eccellenti performance qualitative, alla precisa calibratura e alle dimensioni ridotte del modello. Si tratta di uno strumento facile da trasportare e adatto a rispondere a diverse esigenze del cliente.

Infine, per chi è in cerca di una stampante che sia funzionale che esteticamente accattivante, la scelta migliore è sicuramente la 3D BEETHEFIRST della società portoghese Beeverycreative.