Tablet da McDonald’s, l’iniziativa della popolare catena di fast food

Divide e fa discutere l’idea di installare dispositivi Tablet da McDonald’s, disponibili e fruibili direttamente dalle posti a sedere del ristorante.

L’introduzione di Tablet da McDonald’s è l’ultima trovata della famosissima catena di fast food, già oggetto di controversie e dibattiti. Le critiche sono state sollevate in particolare dalle associazioni e dalle organizzazioni che si occupano di educazione e nutrizione infantile. I detrattori dell’iniziativa affermano che distrarre i bambini al momento del pasto può essere dannoso per il loro sviluppo cognitivo. In aggiunta i piccoli che vengono messi davanti ad uno schermo mentre mangiano hanno una minore percezione della sazietà, con rischio di sovralimentazione. Sulla questione dei Tablet da McDonald’s il colosso della ristorazione replica che si tratta soltanto di un servizio aggiuntivo offerto agli utenti, un modo per migliorare l’esperienza di fruizione.

L’opinione dei critici è che il pranzare o cenare con tutta la famiglia, dovrebbe essere di per se l’evento su cui concentrarsi, un’occasione per parlare e stare insieme senza bisogno di ulteriori “upgrade”. Prima ancora dei Tablet da McDonald’s in passato erano già piovuti diversi giudizi negativi riguardo l’idea di aggiungere delle sorprese ai menù per i più piccini. Oggi questa ennesima strategia di marketing è diventata una prassi ormai assimilata e conosciutissima, tuttavia il pericolo è sempre quello di spostare eccessivamente l’attenzione del bimbo, dal cibo al gioco.

Non tutti però pensano male dell’installazione di Tablet da McDonald’s, e vi sono infatti molte famiglie di utenti che apprezzano notevolmente la proposta perché in questo modo i loro figli vengono intrattenuti e allo stesso tempo mangiano. Almeno per il momento sui Tablet da McDonald’s non è possibile utilizzare games brandizzati, vale a dire video giochi che portano il marchio esclusivo del locale. Ciò è stato evitato per impedire un’ulteriore assuefazione e dipendenza da parte dei bambini. I dispositivi sono ovviamente accessibili anche agli adulti, ed è possibile navigare e utilizzare tutte le più comuni applicazioni dei normali device mobili.