Cyber security, dalle istituzioni ai singoli utenti la minaccia è globale

Proiezioni per il 2019 in campo cyber security. Nel mirino strutture statali, enti pubblici e privati, tra mondo economico e politico tutti sono esposti. 

Negli ultimi anni gli attacchi informatici si sono moltiplicati rendendo la cyber security un emergenza di ordine globale. Vista la tendenza c’è da aspettarsi che anche il 2019 non si farà mancare nulla in quanto a problematiche legate alla protezione dei dati personali o informazioni sensibili di tipo economico-finanziario. Ecco gli ambiti che potrebbero riservare sorprese spiacevoli e che secondo gli esperti  di Kaspersky, Check Point e del MIT (Massachusetts Institute of Technology) dovranno essere potenziati sotto il profilo della cyber security.

Blockchain e criptovalute. La tecnologia a “catena di blocchi” e la crittografia delle monete elettroniche fino ad ora sembravano essere sicure contro violazioni e attacchi informatici. Ora però grazie alle nuove applicazioni della fisica quantistica in campo digitale le capacità di calcolo e di azione dei computer sono stata notevolmente potenziate. Ciò consentirebbe di infrangere algoritmi anche molto complessi e bypassare le difese.

Public utilities. Uno dei pericolo più insidiosi e di maggiore impatto potrebbe riguardare l’ambito dei servizi pubblici, con attacchi alla cyber security, mirati a causare blackout o malfunzionamento delle reti wireless.

Device mobili. Tablet, laptop e soprattutto Smartphone saranno nell’occhio del ciclone. La connettività wireless rende meno facile arginare un mare così sconfinato come internet.

IoT. La diffusione e tutte le applicazioni Internet of Things potrebbe permettere ai pirati informatici di superare ogni sistema di protezione sfruttando le vulnerabilità della domotica.

Cloud computing e cloud storage. Trasferire dati sulla “nuvola” è ormai divenuta un’abitudine comune, per comodità di archiviazione, accessibilità, condivisione e gestione della cyber security. Tuttavia proprio questa tendenza sempre più consolidata mette i cloud in cima alla lista degli obiettivi più ghiotti da parte degli hacker.

Social media. È già successo e succederà ancora, i social network sono una vera e propria miniera di dati e di risorse preziosissime per chi sa come farne uso. È fondamentale che tutte le piattaforme di condivisione rinforzino le misure di cyber security perché saranno tra le prime ad essere minacciate.