MongoDB: la vera sfida è utilizzare i dati in maniera semplice, economica, flessibile

Oggi l’analisi del dato è una priorità, per il reporting per le soluzioni di Business Analytics di tipo tradizionale, e per l’introduzione di strumenti di Machine Learning.

Per moltissimo tempo i database relazionali sono stati la soluzione più usata per la gestione dei dati, ma il crescente volume di informazioni proveniente dalle diverse applicazioni, ha portato all’affermazione dei database non relazionali, più flessibili e capaci gestire un numero elevato di informazioni in un tempo molto ristretto.

Database NoSQL

MongoDB è la soluzione di database NoSQL che offre la scalabilità e flessibilità che occorre insieme alle funzionalità di query e indicizzazione di si ha bisogno.

La vera differenza sta in come il DB archivia i dati: non in struttura tabellare (relazioni e vincoli) ma come attributi di un singolo documento JSON:

Facciamo un esempio – se dovessimo creare un archivio di una biblioteca su un DB tradizionale, il record che traccia le informazioni sul libro dovrebbe essere normalizzato, ed archiviato su tabelle distinte e collegate tra di loro tramite relazioni (chiavi primarie e secondarie). Quindi per un singolo libro avremo – per esempio – la tabella Autore, la tabella Titolo, la tabella Edizione e via dicendo, infine queste tabelle saranno poi relazionate tra loro per fornire la stringa completa del record.

Nel caso in cui si decidesse di aggiungere un altro dato (per esempio la data di pubblicazione), che abbiamo solo per un record, saremo costretti a creare una nuova tabella che dovrà essere presente su tutti i record anche se solo uno è valorizzato.

In un database NoSQL il record di un libro è, invece, memorizzato come un documento JSON: ovvero tutti gli elementi del libro sono archiviati come attributi in un unico documento. Per cui ogni documento può contenere le informazioni che ci occorrono senza appesantire gli altri.

Che cosa vuol dire questo? Essenzialmente scalabilità e semplicità di gestione

Un nuovo modello di analisi per un DB non relazionale

Ad oggi la soluzione è stata scaricata da oltre 40.0000 utenti ed è utilizzata da 8.400 clienti in oltre 120 paesi. Oltre alla versione free è possibile avere una versione Enterprise, che offre i seguenti vantaggi:

  • Sicurezza avanzata
    MongoDB Enterprise Server soddisfa gli standard di sicurezza e conformità con with Kerberos and LDAP authentication, audit trail per l’analisi forense e encryption of data at-rest, il tutto integrato nativamente nel database. Le funzionalità sono completate dal Role-Based Access Control, PKI certificates, TLS/SSL encryption, Read-only Views, e Field-Level Redaction
  • Gestione semplificata
    Monitorare, eseguire il backup e scalare MongoDB secondo le sue esigenze: è possibile scegliere tra Ops Manager (da eseguire sulla propria infrastruttura) o Cloud Manager (fornito da noi come servizio cloud)
  • In-Memory Speed
    Il motore di archiviazione In-Memory offre il sistema più veloce in grado di rispettare i tempi massimi di latenza richiesti anche dalle applicazioni più esigenti (per esempio in ambito AdTech, finanza, telecomunicazioni, e-commerce)
  • GUI intuitiva
    MongoDB Compass, disponibile con MongoDB Enterprise Advanced, è il modo più semplice per analizzare e manipolare i dati MongoDB. Consente di visualizzare rapidamente lo schema, eseguire query ad hoc, aggiornare ed eliminare documenti, visualizzare statistiche di utilizzo in tempo reale e creare regole di convalida dei documenti
  • Analytics avanzato
    Il connettore MongoDB per BI consente di utilizzare MongoDB come origine dati per le piattaforme di BI e di analisi basate su SQL. Supporta perfettamente la creazione e visualizzazione di dashboard che aiuteranno a estrarre le informazioni e il valore nascosto nei dati multi-strutturati.

MongoDB è un programma di database NoSQL open source, orientato alla gestione dei documenti.

Se già si utilizza un db come MySQL o Oracle è opportuno valutare anche MongoDB: ovvero il database orientato ai documenti.