Microsoft si è aggiudicata il contratto JEDI

La vittoria di Microsoft su Amazon ha sorpreso molti, ma la scelta del Pentagono potrebbe essere stata influenzata da Trump.

Il contratto JEDI, del valore di 10 miliardi di dollari, prevede che per 10 anni il vincitore fornisca al Dipartimento della Difesa americano vari servizi cloud, dalla semplice archiviazione al machine learning fino all’Intelligenza Artificiale.

JEDI è infatti il (ben riuscito, ammettiamolo) acronimo per Joint Enterprise Defense Infrastructure, e mira a sostituire tutti i datacenter della difesa USA con una più moderna infrastruttura cloud.

Il valore della commessa sembra gigantesco, ma per metterlo in giusta prospettiva nel Q3 2019 Amazon AWS ha fatturato 9 miliardi e la divisione Intelligent Cloud di Microsoft (all’interno della quale si trova Azure) 9,7 miliardi.

Il contratto è quindi abbastanza grosso da essere ghiotto, ma non abbastanza da cambiare il peso dei due player, dove Amazon è ancora il leader indiscusso.

Quote di mercato secondo Synergy

Alla gara per il contratto partecipavano anche Oracle e Google, che erano stati esclusi ad aprile con varie polemiche.

Polemiche che di sicuro si ripresenteranno ora, dopo che Trump aveva espresso il suo disappunto al fatto che Amazon, che detesta, come detesta Jeff Bezos, potesse aggiudicarsi denaro degli americani. La pressione diretta del Presidente potrebbe essere interpretata come ‘turbativa di gara’ e portare Amazon ad aprire un contenzioso.