Avrage B2B Publishing

Cerca

News e approfondimenti

Microsoft 365 migliora le prestazioni di condivisione

Microsoft 365 migliora le prestazioni di condivisione

Diverse novità sulla condivisione dei documenti per gli utenti di Microsoft 365. Ecco i dettagli.

Microsoft 365 è sicuramente tra le suite più utilizzate per il lavoro in team. Il pacchetto di produttività è l’ideale per la condivisione di documenti. Così l’azienda ha deciso di apportare delle modifiche proprio nell’opzione di “condivisione” sia su desktop che sul web che su app mobile. L’intento è quello di semplificare l’esperienza per chi ci lavora ogni giorno.

Le novità

Alcuni aggiornamenti sono stati già implementati, altri verranno eseguiti nei prossimi mesi. In ogni caso si tratta di step graduali, prima l’azienda di Redmond vuole valutare i feedback degli utenti.

Il primo aggiornamento, che è già stato implementato in OneDrive e SharePoint, riguarda l’impostazione dei permessi. Selezionando “Condividi” e inserendo il nome o l’e-mail del destinatario si può anche selezionare il livello di permesso attraverso un menu a discesa (modifica o solo visualizzazione). È possibile anche visualizzare altre impostazioni di permesso (chi può avere accesso al link, ad esempio, il blocco download e la data di scadenza).

Microsoft 365 migliora le prestazioni di condivisioneA oggi, inoltre, una volta cambiati i permessi si genera un nuovo link. Prossimamente invece sarà generato automaticamente il link da condividere.

Adesso nel riquadro di condivisione è possibile vedere gli avatar delle persone che hanno accesso al documento. A partire da novembre, inoltre, sarà possibile, una volta cliccato sull’elenco, gestire gli accessi tramite tre sezioni distinte: Persone, Gruppi e Link. Cliccando su una persona verrà inoltre mostrato un riepilogo con le modalità di accesso.

Un’altra novità che sarà disponibile a partire dal mese di novembre 2021 riguarda le opzioni di condivisione in OneDrive, SharePoint, Teams e app Office. Cliccando su “Condividi” saranno visibili quattro voci per l’invio del link: via email, come copia del link, come file in condivisione su Teams e le opzioni relative ai permessi di accesso.

-

Scarica il Whitepaper di LifeRay

Whitepaper Liferay
-

Potrebbero interessarti

Portatili aziendali

Comprare un nuovo laptop è un investimento importante per un’azienda o un professionista. Ecco la guida alle migliori marche di notebook per un acquisto...

App

L’appuntamento con le prossime Emoji è per iOS 14.2. “Certe volte non servono parole”. Bastano i gesti. Tuttavia, quando si è fisicamente lontani, anche...

News e approfondimenti

Con il nuovo Chrome 86 Google tenterà di impedire ai suoi utenti di digitare in caselle di testo rischiose sui siti HTTPS.

Hardware

La carenza di processori ha causato non pochi problemi in diversi settori del mercato globale. Il più colpito è il settore automobilistico.